ER-Mason-Apollo-13Lo stile di questo ottimo romanzo di fantascienza è quello della cosiddetta Space Opera, e tutti i romanzi della serie “Adrian Tarn” sono delle straordinarie Space Operas! l’Autore è E. R. Mason che abbiamo contattato e che vediamo qui di fianco davanti alla vera capsula Apollo 13, quella che ha subito la famosa odissea lunare.

Il libro ha un “piccolo” problema: è in inglese! Tuttavia, siamo d’accordo con l’Autore di iniziare a pubblicare su questo sito delle traduzioni del libro: in particolare con la presentazione del romanzo pubblicherò la traduzione del primo capitolo. La parte tradotta sarà sempre disponibile in formato PDF all’indirizzo riportato più sotto.

Chiedo a chiunque si senta in grado di farlo, di contattarmi per proporsi a tradurre uno dei capitoli. Man mano raccoglierò le traduzioni, le adatterò per renderle coerenti tra loro, inserendole infine nel PDF in italiano. In questo modo si spera di poter avere tra un po’ l’intero libro tradotto e disponibile  per i nostri lettori.

Esiste la possibilità di inserire il libro in italiano nella distribuzione e-book ufficiale, naturalmente in forma gratuita, come richiesto dall’Autore. Potrebbe essere una delle prime iniziative di Nuove-Vie per diventare una Casa Editrice riconosciuta. In questo caso si farà menzione ufficiale di tutti i collaboratori che hanno partecipato alla traduzione!

Se ci tenete a leggere il libro in italiano, non lasciatemi da solo a tradurre: se non potete farlo voi invogliate a partecipare i vostri amici in grado di farlo, in modo da rendere il lavoro il più veloce possibile. Usate il modulo di contatto qui allegato.


 

Posso tradurre un capitolo:

12 + 14 =

Per conoscere meglio l’Autore, ecco come si racconta egli stesso:


Fin da piccolo avevo una passione per i viaggi e soprattutto per il volo, in maniera quasi dolorosa. Al contrario sono cresciuto in una fattoria di cavalli nel Connecticut. Un posto ruvido e semplice. Partecipavamo a spettacoli di cavalli e rodei. Cavalcavo col mio amico Bill Larson, fin quando, alla fine delle elementari, Bill ha scoperto il rock and roll e ha trascinato dentro anche me, rovinando così per sempre la mia vita. In prima media abbiamo cominciato a metter su band musicali, una droga che fa effetto su di noi ancora oggi. Bill è attualmente primo chitarrista in una band rock chiamata Road Work, in Connecticut.
Le correnti della vita, che noi pensiamo inutilmente di controllare, alla fine mi hanno portato al Kennedy Space Center. Lì ho lavorato per venticinque anni come coordinatore, soprattutto per Easter Range, uno dei più importanti siti di lancio a Cape Canaveral. Potrei raccontare moltissime storie di missili. In quel periodo ho cominciato a scrivere due libri, con grande fatica: The Empty Door e The Virtual Dead. Comunque è lì che ho conosciuto un bassista straordinario, Stormi Harper e con lui ho messo su la band FreeFall America con cui ho co-prodotto il CD ‘Long Way Home’, un concept album basato sulla storia del figliol prodigo. Tuttavia, quando alla fine mi sono ritirato dal centro spaziale, mi sono regalato la ghiotta possibilità di scrivere a tempo pieno.
Per i lettori di Nuove-Vie voglio aggiungere che la serie con Adrian Tarn comprende: Fatal Boarding, Deep Crossing, e Shock Diamonds. Nuove-Vie pubblicherà i primi due, perchè Shock Diamonds non è gratuito, anche se costa soltanto 0,99 $. Tuttavia è disponibile presso tutti i ditributori di e-books. È previsto un quarto volume che si intitolerà Dark Vengeance.
Poi, dato che Franco me lo ha chiesto, vi dirò che il mio nome completo è Edgar Richard Mason, il nome di mio nonno che faceva il poliziotto a Keystone. Tutti mi chiamano Ed.
Sono elettrizzato all’idea di veder tradurre in italiano i miei libri: bene, avanti così!

Fatal Boarding: MOBI
Fatal Boarding: PDF
Fatal Boarding: EPUB

Incontro Mortale

dicembre: 2017
L M M G V S D
« Nov    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Chi sono:

Appassionato di fantascienza credo da sempre, ma scoperto di esserlo in quarta elementare quando mi hanno portato a vedere "La Guerra dei Mondi" di Byron Haskin: era il 1953 e avrei compiuto nove anni in quell'autunno.

Seguici su Pinterest