Select Page

Colossus

Colossus
Titolo Italiano Colossus: The Forbin Project Interpreti Eric Braeden Braden_
Produzione Usa Susan Clark,  Clark_
Anno 1970 / Colore
Durata 100′ Gordon Pinsent,  Pinsent_
Regia Joseph Sargent
Musiche Michel Colombier Georg Stanford Brown,  Brown
Tratto dalromanzo Colossus di D.F. Jones
 Marion Ross,  Ross

Nell’annoso dibattito se la sf abbia o no previsto Internet, contributi interessanti sono il romanzo “Colossus” di D.F. Jones, del 1966, e il film che ne fu tratto nel 1970, “Colossus: The Forbin Project”.

bookD.F. Jones è un autore inglese non considerato quanto meriterebbe. Militare di Marina nella 2a Guerra Mondiale, collaborò al progetto del computer (uno dei primi) che contribuì a svelare Enigma, il codice cifrato dei tedeschi. E il nome di quel computer era proprio Colossus.

Il Colossus del romanzo invece è un megacomputer a cui viene affidato, oltre allo scibile umano, il controllo dell’apparato nucleare americano, con l’idea di evitare ogni possibile errore umano. Ma Colossus capisce presto che l’unico modo per salvare l’umanità da se stessa è sottometterla al suo volere.

Il romanzo è un ottimo esempio dell’abilità di Jones di fondere suspense e profondità psicologica, concentrandosi sul rapporto ambiguo fra Colossus e il suo progettista, Charles Forbin. Ma è tipico anche del pessimismo di Jones, della sua sfiducia verso le istituzioni e i loro uomini, come pure verso gli esiti delle buone intenzioni della gente comune.

Il film segue fedelmente il romanzo (aggiunge a Colossus una sarcastica frase ricorrente: “La scelta è vostra”), e buona parte della sua riuscita è dovuta proprio all’aver mantenuto il solido impianto narrativo del libro. Di suo il regista Joseph Sargent ci mette tutti i trucchi dell’abile mestierante hollywoodiano: professionalità spettacolare, dosaggio dei ritmi, abile miscela degli elementi emotivi, dalla violenza, all’ironia, al romanticismo. Ma è anche capace di finezze registiche degne di un autore europeo. Con l’uso sapiente delle scenografie e dei movimenti di macchina sa comunicare dall’inizio alla fine lo squilibrio di potere fra Colossus e gli esseri umani, la fragilità di questi di fronte alla sua intelligenza e potenza. Memorabile ad esempio la scena d’apertura, quando Forbin “accende” Colossus.

Il cast è composto da attori sconosciuti, alcuni dei quali destinati però a fortune televisive, come il protagonista Eric Braeden (il Victor Newman della soap-opera “Febbre d’amore”) o Marion Ross (la signora Cunningham di “Happy Days”)

L'Autore

Mario Luca Moretti

Altri interessi oltre al cinema e alla letteratura SF, sono il cinema e la la letteratura tout-court, la musica e la storia. È laureato in Lingue (inglese e tedesco) e lavora presso l'aeroporto di Linate. Abita in provincia di Milano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi articoli

Commenti

    Categorie