In copertina una rara immagine di Ron Turner. Abbiamo rinunciato al progetto originale di riportare molti disegni su questa pagina (che pure è piuttosto ricca!) per condividere con i lettori il link a una Bacheca Pinterest dedicata appunto a Ron Turner. Fatemi sapere le vostre impressioni.

Nato nel 1922, Ron Turner si interessò inizialmente alla fantascienza leggendo H.G. Wells e guardando film come La vita futura, Metropolis e Flash Gordon. Il linguaggio grafico e lo stile di quelle pellicole  si impressero per sempre nella sua immaginazione. Durante la guerra Turner fu un attivo combattente in Europa, sopravvivendo a un incontro ravvicinato con una V-2.

Al termine del conflitto lavorò come grafico presso gli Odhams Studios, ma anonimamente frequentava anche la casa editrice Scion Ltd., disegnando inizialmente comic strips e poi copertine di romanzi rosa. Finalmente la sua predisposizione per la fs gli assicurò un contratto per Operation Venus di John Russell Fearn (1950). La seconda copertina fu per il seguito pubblicato subito dopo. Annihilation, romanzo che fu un successo straordinario, contribuendo decisamente al lancio della serie di libri del nostro scrittore, che a quel punto cominciò a firmarsi “Vargo Statten”. Quindi seguì una lunga collaborazione tra autore e artista.

Annihilation fu un bestseller che scatenò una vera e propria mania per la fantascienza in Inghilterra. Per molti era la prima volta che si parlava di fantascienza e la combinazione tra storia avventurosa e copertina  stimolante fece la differenza. Furono pubblicati 52 romanzi a nome “Vargo Statten” che ben presto invasero l’Europa e, in traduzione, anche il Brasile. Romanzi che parevano essere spuntati dal nulla come funghi e dopo aver prosperato per cinque anni, si sciolsero nel nulla in maniera altrettanto misteriosa.

Le copertine di Turner pubblicate da Scion erano caratterizzate da un drammatico realismo, splendidamente colorate e con una accurata attinenza alla storia. I libri successivi adoperarono spesso una sorta di simbolismo, in cui diversi elementi della trama venivano rappresentati tutti in una singola immagine.

Supportato dal suo astuto agente ‘Gregg’ Hall, Turner fu ben presto richiesto da altri editori di riviste, soprattutto la Milestone Books e qui illustrò i romanzi di E.C.Tubb con il dinamico “Charles Grey”. Per cinque anni i suoi lavori comparvero da Scion per lo pseudonimo “Vargo Statten” e (dal 1953) per l’altra identità “Volsted Gridban” (Fearn utilizzò questo pseudonimo, che era stato usato anche da E. C. Tubb). La copertina di The Genial Dinosaur (1954) si meritò anche una bella lettera di apprezzamento da parte dell’autore. Gli elementi satirici e umoristici del racconto erano stati ammirabilmente evidenziati dall’acuto e talentuoso Ron Turner.

Straordinaria anche la sua descrizione della terra vista dallo spazio (per esempio in Black Bargain, 1954), mentre i suoi contemporanei si limitavano a riprodurre una terra tipo “cartina geografica.”

Quando gli chiesi come facesse a produrre queste immagini straordinarie, Turner mi disse: “Penso sia un po’ dell’immaginazione di Fearn unita alla capacità descrittiva delle cose che più mi interessano.”

Quando il boom post bellico della fantascienza cominciò a declinare, Turner si dedicò ai fumetti, creando una sua dinamica versione di Space Ace. Il suo lavoro più ambizioso alla fine degli anni ’50 fu il fumetto del “Detective spaziale Rick Random”, pubblicato da Amalgamated Press nella serie Super Detective Library. Sono state frequentemente riprese alcune strisce da quest’opera in bianco e nero: particolarmente spettacolare la versione di Space Ace pubblicata da John Lawrence e colorata da John Ridgway.

In parallelo con i fumetti apparvero numerose copertine di Practical Mechanics, pubblicato da Newnes. Un argomento che richiedeva esperienza tecnica, ma anche precisione scientifica.

Il 1960 trova Turner al suo meglio su The Daleks, pubblicato sul giornale a fumetti britannico TV21, subito seguito da altri fumetti basati sulle idee di Gerry Anderson, per esempio Thunderbirds e Capitain Scarlet. Turner firmava raramente le sue opere, per cui molti suoi ammiratori ignoravano la sua identità.

Ron ha poi anche lavorato sui primi Judge Dredd, ma nel tentativo di far resuscitare un altro fumetto caduto un po’ in disgrazia, Spinball, i suoi editori lo ridiressero verso questo nuovo obiettivo,

Nel 1980 Turner fu trattato malissimo di suoi editori che gli diedero solo romanzi per ragazzi e alcune trame pessime, per lo più non di fantascienza.

Fearn moriva nel 1960 e tutti avrebbero detto che sarebbe finita anche la simbiosi con Turner.

Invece nel 1984, io ho deciso di contattare Turner attraverso il suo agente, John Lawrence, proponendogli di disegnare delle strip col suo stile, in un adattamento dei lavori di Fearn (la vedova Carrie Fearn, mi aveva trasmesso nel 1982 i suoi diritti).

La nostra collaborazione produsse Nick Hazard (mio personale omaggio ai fumetti Dan Dare e Rick Random), quindi una versione grafica del romanzo breve Kalgan the Golden di E. C. Tubb e infine un romanzo completo a fumetti per la Golden Amazon di Fearn. Commissionai poi privatamente a Turner l’adattamento di alcuni racconti brevi che sono apparsi recentemente su Spaceship Away, vivacemente colorati da Martin Baines.

I dettagli su questa associazione sono visibili nell’articolo di John Lawrence The Nick Hazard Story su Spaceship Away N° 19, mentre la prima delle nostre tre storie di Hazard (colorate da John Ridgway) è apparsa a puntate nei numeri dal 17 al 20. La terza a ultima storia di Nick Hazard, Planet of Doom, colorata da Martin Baines, è apparsa a puntate nei numeri dal 35 al 40. Invece The Golden Amazon, anche questa colorata da Martin Baines, è attualmente in uscita a partire dal numero 41. La seconda storia di Hazard, la più lunga, Invaders From Time è ancora in attesa di un editore volenteroso.

Alla fine del 1994, in seguito al mio articolo su Fearn in Paperback Parade (una piccola rivista americana) il suo editore, Gary Lovisi, mi chiede di ristampare Fearn sul suo nascente Gryphon Books. Accettai subito la proposta, che comprendeva anche la produzione di nuove copertine a colori da parte dei Ron Turner.

A mia figlia Claire avevo promesso una vacanza negli Stati Uniti, se avesse completato bene gli esami all’università. Per cui nella caldissima estate del 1995, volammo a New York e facemmo visita a Lovisi nella sua casa di Brooklyn.

Gary ce l’aveva messa tutta per terminare tutti e quattro i volumi di Emperor of Mars di Fearn. Rimasi impressionato dai libri e dal suo entusiasmo. Quando poi Claire e io tornammo a casa, Gary e io avevamo firmato per una intera serie di romanzi britannici vecchio stile… quella che è diventata la Gryphon Science Fiction Rediscovery, per cui dovevo fornire i libri, un’introduzione e naturalmente le copertine di Ron Turner. Oltre ai libri di Fearn apparvero delle cose nuove, ristampe di E. C. Tubb, un altro autore che avevo cominciato a rappresentare.

I nostri primi tentativi sono stati un ‘ballon d’essai’ con la ristampa di The Golden Amazon di Fearn nel 1996. Speravo di poter continuare con la serie inserendo tutte le sue 26 storie di”Golden Amazon”,  tutte apparse sulle pagine del Toronto Star Weekly (di cui solo i primi 8 erano uscite anche in forma di libro).

I libri dell’Amazon furono alternati ad altri romanzi di Fearn, Tubb e alcuni autori americano che Gary ed io volevamo far conoscere nella loro prima apparizione in stampa: tra i più importanti i primi pulp di Jack Williamson a partire da The Fortress of Utopia, poi il leggendario The Whispering Gorilla di Don Wilcox.  Vennero inseriti nel progetto Science Fiction Rediscovery Series anche il romanzo a fumetti della Amazon e la storia inedita di “Nick Hazard” scritta da Vargo Statten e intitolata A Time Appointed.

Attraverso John Lawrence commissionai a Ron delle nuove copertine per tutti i libri. Il suo stile dinamico contribuì molto al successo della serie, tra cui una delle sue migliori copertine è stata quella per The Ruler of Fate and Xandulu (1999) di Jack Williamson.

Triangle of Power (1999) fu la prima edizione in formato libro del nono romanzo sulla “Amazon.” Purtroppo fu anche l’ultima copertina dipinta da Turner, che morì nel dicembre ‘98, all’età di 76 anni.

A partire dalla nostra prima collaborazione, avevo proposto a Ron una bella quantità di commissioni, sia per il rifacimento delle copertine, sia per quelle nuove dei romanzi di Fearn di maggior successo. A quel punto mi ritrovavo in possesso di un bel po’ di copertine inedite utilizzabili nei libri successivi.

Nel giugno del 2005 Gary ha pubblicato Earth Divided, l’ultimo libro dell’Amazzone scritto da Fearn, il numero 26 di questa serie straordinaria.

A quel punto ho creato io stesso un nuovo romanzo ‘Golden Amazon’ basandomi su due racconti brevi fantascientifici di Fearn, che non avevano a che fare con l’Amazzone, rivedendoli ed allungandoli con nuovo materiale fino a farli diventare un romanzo breve. Potete vedere il risultato nel libro numero 27, Chameleon Planet (2006). Avevo predisposto una scena che descriveva nei particolari una copertina di Turner fatta per un libro di Vargo Statten (The Sun Makers, 1950) e con un po’ di Photoshop l’ho fatta diventare la copertina del mio libro. Si risolvevano così tutte le trame aperte e si completava la storia con un ‘finale pulito’ che apriva a nuovi seguiti.

Ecco cosa dice la quarta di copertina:

Collaborazione postuma tra John Russell Fearn e il suo biografo Philip Harbottle, che ha recuperato le ultime annotazioni dello scrittore. Chameleon Planet riprende la saga proprio nel momento in cui finisce Earth Divided, di Fearn (Saga Golden Amazon, N°20) quando i Viaggiatori Cosmici si predispongono a inseguire nello spazio il loro nemico Karg, nel frenetico tentativo di recuperare la nave spaziale dell’Amazzone, la Ultra! A un certo punto i nostri rischiano addirittura di cadere nel sole. L’Amazzone e Abna di Atlantide sono lanciate a incommensurabili anni luce di distanza su un sistema solare incredibile, in cui un pianeta orbita attorno a un buco nero… il che ha effetti devastanti per la vita sul pianeta e sul Tempo! Gli altri Viaggiatori Viona Mexone e Thania esplorano vari sistemi solari… ed è così che scoprono la minaccia di un antico vampiro alieno!

Allora invitai il vecchio autore John Glasby a scrivere i seguiti e John completò quattro nuovi romanzi di Amazon prima che anche lui morisse, purtroppo. Tutti e quattro i libri ebbero una copertina di Turner disegnata originalmente per Vargo Statten.

Negli anni ’80 avevo commissionato privatamente a Ron delle copertine per i restanti romanzi di fantascienza di Fearn, quelli che lui non aveva ancora illustrato. Sapevo che alla fine avrei trovato un editore per ripubblicarli… e così successe. Volevo che tutti quei romanzi fossero corredati da una copertina di Ron Turner!

Negli ultimi dieci anni sono comparse postume molte splendide copertine di Turner, tra le più belle la serie di Fantasy Adventures su Wildside e al momento le potrete vedere su delle nuove edizioni della serie Golden Amazon (con copertine di Turner, ma diverse). Disegni che arricchiscono anche molte collezioni di Fearn ed E. C. Tubb.

Ron Turner resta uno dei più amati copertinisti e disegnatore di fumetti britannici, mentre Fearn è ormai sul punto di avere tutta la sua produzione restaurata in stampa. Nel 2011 Orion/Gollancz si è messa in contatto con me per pubblicare edizioni e-book di molte decine dei libri non ancora stampati. Si vede bene sul loro Portale di FS e anche su Amazon: ogni libro con la copertina originale disegnata da Ron Turner.

La connessione Ron Turner – Vargo Statten sopravvive e ha raggiunto una immortalità elettronica!

This article is copyright © 2018 by Philip Harbottle. All rights reserved.
Traduzione in italiano © Franco Giambalvo