A Milano, 12 e 13 ottobre, l’appuntamento con  Stranimondi per gli appassionati di fantascienza: ve li racconto in sintesi!

Giorno 12

Poiché si tratta  prevalentemente di un incontro tra scrittori, traduttori, artisti, mi sono mancati i lettori che a mio avviso sarebbero stati il collante necessario per una manifestazione ancora  più speciale.

Non ci aspettiamo mai un afflusso biblico, ma la mancanza di semplici lettori incide parecchio sulla folla che noi vorremmo vedere. Tuttavia, come mi dice Silvio Sosio, tutti i presenti sono anche dei lettori!

Appena arrivati ci si guarda attorno. Quest’anno è stato cambiato il luogo: stesso indirizzo, ma nella palestra della scuola elementare dove gli Editori hanno occupato tutto lo spazio con le loro produzioni.

Riconosciamo qualcuno.

Le Edizioni Delos, che hanno organizzato la gran parte della Convention.

Franco Brambilla che esibisce i suoi disegni più recenti con una resistenza da eroe omerico, gestendo in solitaria due intere giornate di presentazione.

Non vorrei aver dato una falsa impressione: è vero che non c’è tutta la gente che vorremmo vedere, ma di folla ce n’è tanta! Non arrivano tutti assieme, ma in flusso continuo.

Vedo l’amico Brambilla, costantemente in piedi, sempre circondato da appassionati: la mia impressione è che gli affari vadano benino.

Il primo che mi trova senza che io debba cercarlo, è Giuseppe Festino, finalmente in gran forma. Abbiamo dei bei progetti assieme; oltre ad altri suoi con nuovi editori.

Tra gli Editori, saluto appunto Silvio Sosio, di Delos e poi Luigi Petruzzelli, con cui recentemente c’erano state alcune scintille. Ma non è difficile chiarirsi e fare quattro chiacchiere da amici. Petruzzelli è un ex editore di Edizioni della Vigna: ora direttore editoriale con Solfanelli del Gruppo Editoriale Tabula Fati.

Circondato da tantissimi fan, ecco Dario Tonani: ci incontriamo e ci rivedremo per tutte le due giornate, sempre con piacere.

A questo punto gli amici di Cose da Altri Mondi: sono proprio loro a trovare me. Prima Tea C. Blanc a cui presento Giuseppe Festino. Poi, inatteso, ma è un sorpresa piacevolissima, Stefano Spataro, che sapevo al lavoro al sud e invece è stato improvvisamente richiamato a Milano.

Sia Tea, che Stefano hanno in programma interessanti novità.

Tea presenta proprio qui, il suo romanzo: Mondotempo di Watson Edizioni. Un vero successo, perché alla fine della giornata l’intera pila esposta è stata completamente venduta. Le ho promesso una recensione, di cui lei, pare, non aver paura!

L’ultimo che mi trova è Roberto Azzara, validissimo redattore di Cose da Altri Mondi e autore di La Fantascienza Cinematografica – La seconda età dell’oro, un grandissimo saggio sul cinema di fantascienza.

La prima giornata la concludo volentieri con Silvio Sosio, Koen Vyverman, Annarita Guarnieri, John Holbrook Vance II e Marco Riva, per la presentazione dell’autobiografia Ciao, Sono Jack Vance pubblicata da Delos, in accordo con la Vance Integral Edition (V.I.E.), per cui l’intera l’opera di fantascienza del grande Autore sarà riproposta e messa a disposizione di tutti i lettori.

Johm Vance a Stranimondi

John Vance

I partecipanti al panel sono rispettivamente: Silvio Sosio, l’Editore italiano degli ebook; Koen Vyverman olandese, agente e editore europeo del V.I.E.; Annarita Guarnieri, storica traduttrice editoriale, John Vance, figlio del grande Jack; Marco Riva, traduttore del libro bibliografico presentato.

Come appassionato di Jack Vance ho già dato la mia disponibilità di traduttore, dove fosse necessaria, per completare l’operazione.

Giorno 13

La domenica, stesso incredibile e continuo afflusso di persone e personaggi.

Giuseppe Festino si è trovato addirittura un banchetto in cui presentare belle copie della sua opera editoriale e pare con soddisfazione, sia sua, che degli ammiratori.

Ran Zhang

Ran Zhang

Interessanti i panel di oggi. L’Editore Francesco Verso, specializzato nel proporre fantascienza proveniente dai luoghi più sconosciuti del mondo, ci presenta un giovane scrittore cinese: Ran Zhang (pronuncia Ran Jan, con la “J” alla francese, come in Juppé).

Si parla di quanto la fantascienza possa essere considerata un veicolo per contestare la politica cinese, ma l’Autore non si butta troppo nella mischia: non nega e non afferma. Secondo l’editore, la SF in Cina va alla grandissima!

Divertente l’ora che è stata dedicata a Franco Brambilla, disegnatore e copertinista.

Ha proiettato a grande velocità tutte le sue copertine di Urania e altre pubblicazioni, poi le curiose cartoline con gli invasori: vere cartoline in cui lui ha aggiunto dischi volanti, mostriciattoli e cose inquietanti.

Tutto troppo velocemente perché, dopo un quarto d’ora non sapeva più cosa dire e Silvio Sosio che lo aiutava, scherzando gli ricordava: “Mancano solo cinquanta minuti!”

Alla fine Franco ha recuperato conversando amabilmente con Giuseppe Festino e altri spettatori molto interessati, facendo un’ottima figura e lasciando un piacevole ricordo della serata.

Tiziano Cremonini

Ho avuto poi il piacere di conoscere di persona Tiziano Cremonini, altro eccellente artista e copertinista, che per passare il tempo disegnava pianeti e altre immagini, con pastelli e pennarelli.

Con lui mi piacerebbe collaborare prossimamente.

Commovente, infine, il ricordo di Giuseppe Lippi.

Tutto sommato questa edizione di Stranimondi è stata interessante. Organizzata bene e ricca di incontri piacevoli.

Durante la manifestazione sono stati consegnati alcuni premi e soprattutto è stata presentata Francesca Cavallero, vincitrice del Premio Urania 2018, con Le ombre di Morjegrad, in uscita a novembre. Franco Brambilla ci ha mostrato la copertina, ma non la possiamo ancora pubblicare.

Non resta altro da dire per il momento: alla prossima.

 

In copertina: da sinistra, Silvio Sosio, Koen Vyverman, Annarita Guarnieri, John Vance, Marco Riva
Immagini © 2019 F. Giambalvo
tranne Ran Zhang © Bookworm