Il fatto

Chiunque si metta in gioco scrivendo, cantando, recitando, dipingendo, cucinando, ecc. corre il rischio di non piacere a tutti e quindi ricevere critiche poco lusinghiere!

È pur vero che non tutti i gusti sono uguali, quindi ciò che non piace a me, può essere perfetto per un altro; questo per affermare che è proprio inutile avere paura!

Personalmente, quando leggo recensioni negative in qualunque settore, la mia curiosità aumenta perché voglio avere il mio parere.

Recentemente un paio di autori, che non conoscevo, mi avevano inviato il loro libro da leggere, presumibilmente, da recensire su Nuove Vie.

Perché

Non sono uno di quelli che legge dieci pagine e dà il suo giudizio, non tralascio nemmeno una riga, quindi ci impiego parecchio a leggere per esprimere un parere sensato; tuttavia li ho trovati entrambi di poca qualità.

A mio avviso, la fantascienza deve contenere avventure e trovate, qualcosa che faccia viaggiare in mondi spettacolari, quindi un libro privo di contenuti non ha le caratteristiche per piacere.

Fin qui niente di male: qualcuno si è dato da fare, ha pubblicato e ha tutto il diritto di essere letto: ma quindi di esporsi a un giudizio!

Portrait of Socrates. Marble,

“Una vita senza esami non vale la pena di essere vissuta” diceva Socrate.

Il fatto è che i due autori, che mi avevano mandato il libro, di loro iniziativa, quando hanno ricevuto il file con la mia recensione negativa, mi hanno chiesto di non pubblicarla.

Esiste un buon metodo per avere buone recensioni, anche se non è infallibile: scrivere buoni libri.

È pur vero che anche ottimi libri non trovano sempre riscontri positivi, per vari motivi, soprattutto, perché – siamo tutti diversi – ognuno ha il suo gusto personale e dunque nessuno ha veramente ragione o torto dando un giudizio.

Ci sono esempi di libri di grande successo che durano una stagione, come altri ritenuti pessimi che nel tempo conquistano il mondo intero.

Comunque ho accettato di non pubblicare quelle recensioni e nessuno saprà mai quali libri non mi erano piaciuti!

Per concludere

Termino con due riflessioni:

Chi non vuole rischiare di ottenere un parere negativo non dovrebbe chiedere a nessuno la lettura del suo libro: sicuramente mai più a me!

Considerando che ci vuole tempo per leggerlo e scrivere un parere – questo è “tempo e lavoro” che ho dedicato.

Buttare – tempo e lavoro – nel cestino, non lo trovo corretto!

Ripeto e concludo: chi si espone in qualunque arte deve poter accettare a testa alta lodi e critiche, altrimenti scelga un altro mestiere

N.B.- Poiché altri autori mi hanno inviato i loro libri, vorrei sapessero che d’ora in poi deciderò io se pubblicare la recensione, positiva o negativa che sia, e la inserirò sul sito senza chiedere alcun permesso, per cui se non siete d’accordo fatemelo sapere adesso.